Copiare è un’arte letale: le app che Apple ha ucciso con OS X Yosemite e iOS 8

Copiare è un’arte letale: le app che Apple ha ucciso con OS X Yosemite e iOS 8

Molte applicazioni e funzioni di OS X 10.10 Yosemite e iOS 8 sono cloni di prodotti che esistono già (e che per questo spariranno). Guarda tu stesso!

Raramente Apple ha davvero inventato qualcosa. La specialità dell’azienda è sempre stata un’altra: quella di intuire quali fossero le invenzioni dal grande potenziale, di appropriarsene e renderle irresistibili.

Un esempio? Il mouse, che la Xerox aveva inventato e che Steve Jobs, capendo che aveva potenzialità, trasformò nella periferica più usata della storia dell’informatica.

Altri esempi? L’interfaccia utente a finestre, ancora una volta un’invenzione della Xerox. O lo stesso iPod.

Insomma, se è vero che i mediocri si ispirano mentre i geni copiano, allora a Cupertino il genio è di casa. Le prove più recenti sono nella keynote di apertura del WWDC 2014, in cui sono stati presentati al pubblico OS X 10.10 Yosemite e iOS 8.

I nuovi OS Apple, infatti, racchiudono un bel po’ di idee e concetti presi, diciamo così, in prestito da applicazioni già esistenti. Le quali, per questo, sono destinate a scomparire. Guardare per credere.

Spotlight e Alfred

Alfred è un’alternativa a Spotlight uscita qualche anno fa e, da allora, staziona costantemente tra i top download del Mac App Store. La sua caratteristica principale è che, oltre a cercare nel Mac, setaccia anche il web e ti fornisce quindi un servizio di ricerca integrata completissimo e pratico da usare.

Alfred

E questo è esattamente quello che fa anche il nuovo Spotlight di OS X 10.10 Yosemite, che è più ricco e più completo di Alfred (ci sono anche le anteprime, ad esempio), ma che dal buon maggiordomo Alfred trae decisamente ispirazione.

Spotligh con ricerca

Mail e Mailbox

Mailbox è un client di posta che ha visto la luce nell’aprile del 2013 e che ha fatto parlare di sé per un po’. L’idea alla base era un nuovo modo di leggere e di archiviare le email.

Le-4-gesture-di-Mailbox-copy

La novità era che potevi, con gesti sul touch screen pensati con intelligenza, archiviare, eliminare, salvare per una lettura successiva (con molte opzioni diverse tra cui scegliere) o inserire in una lista i messaggi email ricevuti. Il metodo era davvero comodo (giudica tu stesso).

Tanto comodo che, ora, è finito dritto dritto anche in Mail di iOS 8. Adesso, finalmente, il suo successo è assicurato.

Mail - More, Flag e Trash 02

SwiftKey Note e la nuova tastiera di iOS 8

Una tastiera predittiva ben fatta è uno strumento utile, che in iOS è mancata per un bel pezzo. Finché non è uscita SwiftKey Note, un’app che offre suggerimenti di parole mentre scrivi e che, grazie ad un algoritmo sorprendente, ti fa comporre testi e messaggi con impressionante rapidità.

SKN

Anche a Cupertino è piaciuta l’idea, così è stata trasportata in iOS 8 ed ha trasformato la tastiera di default in un perfetto clone di quella di SwiftKey Note grazie alla tecnologia Quick Type.

Tastiera predittiva 03

Snapchat, WhatsApp e Messages

La nuova app Messaggi di iOS 8 è un centro di comunicazione completissimo, ma gli strumenti che offre non sono una novità.

Videomessaggi 02

I videomessaggi “a orologeria”, gli audiomessaggi, la geolocalizzazione “facile” e l’opzione video sempre a portata di dito. Infatti, sono tutte opzioni mutuate dai grossi nomi della messaggistica mobile, da WhatsApp a WeChat, da LINE a Snapchat.

Insomma, anche qui niente di innovativo, ma unire tutte le migliori idee del settore in una super-app darà probabilmente ottimi frutti.

iCloud Drive e Dropbox

Il servizio di clouding di Apple gode di un discreto successo, ma non ha mai davvero sfondato. Molti utenti non riuscivano esattamente a capirne il funzionamento (se vuoi lo spieghiamo dettagliatamente in questo articolo), perché la gestione di quello spazio era diversa da qualunque cosa a cui fossero abituati.

In OS X 10.10 Yosemite, però, Apple ha imparato la lezione di Dropbox e ha trasformato iCloud Drive in un suo quasi-clone, con cartelle gestibili come normali directory dal Finder. E stavolta sarà un successo.

iCloud Drive folder su Mac

Copiare sì, ma con stile

Insomma, coerentemente con la propria storia Apple continua a setacciare il mondo della tecnologia in cerca di buone idee da trasformare in successi planetari. A volte a scapito di chi quelle idee le ha avute per primo.

Se sia o no un metodo condivisibile è difficile dirlo. Di certo c’è però che noi, come utenti dei prodotti di Cupertino (o dovremmo dire di… Copiertino?), non possiamo che trarne giovamento.

Se vuoi saperne di più sulle novità che ci aspettano in OS X 10.10 Yosemite e iOS 8, leggi la nostra opinione. Google sparirà dai Mac e dagli iPhone?

Vedi tutti i comment
Visualizzazione commenti in corso...