Pubblicità

Articolo

Android 4.4 KitKat: promosso o bocciato?

La redazione di Softonic

Pubblicato

Che cos’è Android 4.4 KiKat? In pratica un perfezionamento di Android. Google ha tolto le sue core app da Android e le ha rese disponibili sul Google Play Store invece di includerle in specifiche versioni di Android.

Recentemente il sistema operativo è stato migliorato ancor di più con il Google Play Services, un’app che opera da dietro le quinte e che consente di fare aggiornamenti in background per aggiungere o migliorare alcune funzioni dei dispositivi con Android 2.2 Froyo o successivi. Con Android 4.4 KitKat il sistema operativo è ancora più integrato con Google Search e il tuo account Google.

Android 4.4 KitKat: promosso o bocciato?

Android 4.4 KitKat è al momento disponibile solo sul Nexus 5, ma presto arriverà anche su altri dispositivi Nexus, anche se Google finora non ha fissato nessuna una data precisa. Sfortunatamente non sarà disponibile per il Samsung Galaxy Nexus, il telefono che ha introdotto Android 4.0 Ice Cream Sandwich, perché il produttore dei chip (Texas Instruments) ne ha sospeso il supporto.

Questa è la prima volta che ho tra le mani uno smartphone che usa Android originale: in passato ho avuto un Samsung Galaxy SIII con TouchWiz e un tablet Nexus 7 (2ª generazione), con su Android 4.3 Jelly Bean. Nonostante Android 4.4 richieda meno RAM e sia il primo OS che può essere sviluppato anche per vecchi dispositivi con 512 MB di RAM, mi chiedo se i vecchi dispositivi vedranno mai il nuovo KitKat.

Interfaccia perfezionata

Il launcher originale di Android è legato a tutti i tuoi servizi Google. Se vieni da un altro dispositivo Android e hai fatto il backup del tuo account, allora l’importazione dei tuoi dati e delle app sarà semplicissimo come fare il login, perché non dovrai riscaricare tutte le app e quindi il procedimento sarà veloce. Se hai un’autenticazione a due fattori per ogni app installata perderai un po’ più di tempo, ma sarai in grado comunque di risettare il tuo accesso senza alcun problema.

Android 4.4 KitKat più che un aggiornamento del sistema operativo è il modo in cui Google vuole avvolgere i suoi utenti con i propri prodotti e servizi. La barra di Google Search del launcher è un widget fisso e non può essere rimosso dalla schermata home. Se ti piace Android, ma non usi i servizi Google, la persistenza della barra di ricerca potrebbe anche darti noia.

L’esperienza a schermo intero

Come nelle precedenti versioni di Android, il quick launcher si trova in basso e le notifiche invece in alto. Di nuovo, in Android 4.4 c’è la possibilità di avere lo sfondo a schermo intero che scorre dietro le notifiche e i tasti del menù. Questi sfondi possono essere applicati anche alle app, anche se la maggior parte di esse non sono state ancora aggiornate per poter sfruttare questa funzionalità.

Facendo un swipe verso destra verrà aperto Google Now, estensione di Google Search, che starà sempre sulla sinistra della schermata home se il launcher è quello originale. Se invece installi un launcher alternativo come Nova Launcher, perderai la schermata home di Google Now, ma potrai comunque sempre lanciarla usando il vecchio swipe verticale dal basso.

Tenendo premuto lo schermo verranno caricate le opzioni per cambiare lo sfondo, aggiungere i widget e accedere alle impostazioni del tuo account Google. I widget sono accessibili solo attraverso questo menù e non con l’app drawer come in Android 4.3, così che l’interfaccia dell’app drawer rimane più pulito.

Non c’è stato finora nessun produttore che abbia annunciato il supporto ad Android 4.4 per i loro nuovi dispositivi; solo HTC ha annunciato che l’update di Android 4.4 verrà installato su i dispositivi già esistenti sul mercato. Non sappiamo ancora come i produttori adatteranno Android 4.4 alle loro skin e launcher.

Un dialer con la funzione di ricerca

In Android 4.4 l’applicazione per fare telefonate è più di un semplice dialer. Essendo collegato al Google Search, adesso puoi cercare anche contatti o luoghi, come ristoranti e negozi. Non è in grado di cercare invece dei luoghi generici, ma riesce a trovarli con un buon numero di parole chiave. Uno sviluppatore ha scoperto che il dialer contiene degli annunci, ma dovrebbero essere dei Google Offers piuttosto che degli annunci generici.

Se lo colleghi con altri social network come LinkedInGoogle+, il dialer cercherà attraverso tutti contatti sincronizzati. Stranamente, quando lo abbiamo provato, Android 4.4 non ha voluto sincronizzare i contatti di FacebookTwitter, anche se l’opzione è supportata. Un aspetto fastidioso invece è che non puoi vedere il profilo di una persona quando sfogli i contatti e che alcuni numeri di telefono non sono associati ad alcun nome, e quindi vedrai apparire solo un numero.

Hangouts è complicato

Per parlare con gli amici Hangouts è fantastico, ma usarlo per chattare un po’ meno. Nel test fatto con un amico su iPhone, scambiandoci emoticon e la mia posizione con Hangouts, la app funziona senza problemi: traduce le emoticon in quelle corrispondenti nel iOS e condivide la mia posizione con un link su Google Maps.

Il problema di Hangouts è che separa gli SMS dalle chat in due conversazioni separate. Mentre parlo con Lewis su Hangouts ho una conversazione aperta con il suo account Google e gli SMS in un’altra. Invece di combinarli in una sola finestra Android 4.4 li tiene separati, e questo può creare confusione. Qui c’è bisogno che Google metta mano nel risolvere questo problema unificando l’interfaccia di Hangouts con quella degli SMS.

Un editor di foto per tutti

Android 4.4 abbina ora un editor di foto alla Galleria con il quale potrai modificare le foto ritagliandole, applicando filtri, cornici, e settaggi di ogni tipo. I filtri non sono molto differenti da quelli che trovi su Instagram o altre app per la modifica delle foto. Altre opzioni includono anche il cropping, l’estensione, la rotazione e il mirroring.

Le opzioni per le regolazioni di precisione sono molto più interessanti, anche se c’è bisogno di qualche conoscenza preliminare per sapere a cosa serve ciascuna di loro. L’editor offre la preview in tempo reale delle modifiche fatte così che puoi cancellarle subito se vuoi. Nel caso le accettassi per errore, puoi sempre comunque tornare indietro con la funzione”step-back”.

Anche se la fotocamera del Nexus 5 non è proprio il top di gamma, fa comunque delle foto accettabili che potrai migliorare usando i moltissimi parametri che ti mette a disposizione l’editor di foto. Combinandolo con la nuova funzionalità HDR+ e la correzione automatica di Google+, avrai quasi tutte le correzioni possibili a disposizione. Anche se salvi le foto su Google Drive, il tuo dispositivo analizzerà l’immagine e la correggerà automaticamente. Se vuoi fare l’upload automatico delle foto, puoi attivare l’auto backup nella app per le foto.

Controlli multimediali sulla schermata di sblocco

Un’altra piccola funzione è la possibilità di controllare la musica dalla schermata di sblocco. Che stia usando Google Play Music, ascoltando uno streaming o musica in locale la riproduzione non verrà interrota anche se lo schermo è bloccato. Quando riattivi lo schermo la copertina del disco che stai ascoltando prenderà il posto dello sfondo esistente e tu potrai sfogliare le tue canzoni o scorrere il brano che stai ascoltando tenendo premuto uno dei controlli multimediali.

Guarda quello che succede in background

Le impostazioni in Android 4.4 KitKat non sono molto diverse da quelle delle precedenti versioni. L’aspetto è uguale, anche se gli utenti di Samsung o HTC potrebbero avere qualche opzione in più. Opzioni quali WiFi, Bluetooth, e uso dei dati li trovi sempre in cima alla lista, ma la sezione “Altro…” apre “Wireless & Reti” dove puoi scegliere l’app predefinita per gli SMS. Generalmente le impostazioni sono le stesse, tranne dove Google ne ha aggiunte delle altre.

Tap & pay, un sistema che probabilmente non userai mai

Si pensava che i pagamenti con la tecnologia NFC avrebbero rimpiazzato quelli con la carta di credito al momento dell’uscita di Android 4.0 Ice Cream Sandwich, ma molte versioni dopo siamo ancora al punto di partenza per la mancata adozione di questa tecnologia. L’update di Google Wallet, che doveva rendere inutile la tecnologia NFC, non ha cambiato la situazione fuori del Google Play Store.

L’opzione ti consente di scegliere quale sistema di pagamento NFC vuoi usare, e sebbene abbia impostato questa opzione, non so se la userò mai.

Opzioni di localizzazione personalizzabili

Nelle vecchie versioni di Android le opzioni per la localizzazione erano limitate, potevi cioè solo consentire all’applicazione di accedere o meno alla tua posizione.

Ora le opzioni sono più chiare e puoi scegliere fra tre differenti modalità di rilevamento della tua posizione.

  • Alta precisione – combinazione di GPS, WiFi, e rete mobile
  • Risparmio batteria – Wi-Fi e rete mobile
  • Solo dispositivo – Solo GPS

Lo scopo di queste tre opzioni è quello di aumentare la vita delle batteria. Ci sono ancora le opzioni per il Google Location Reporting in Google+ e in Hangouts, dove puoi condividere la tua posizione con gli amici. Inoltre c’è anche una lista delle applicazioni che hanno richiesto di poter accedere alla tua posizione. Potrà sorprenderti il fatto che non siano solo i social network a voler sapere la tua posizione, ma soprattutto Google, che cerca di continuo di tracciare la tua posizione.

Stampa wireless

In Android 4.4 troviamo la possibilità di collegare via wireless anche le stampanti presenti nella rete. Se la tua stampante ha una app specifica o supporta il Cloud Print, puoi collegarla al tuo dispositivo e vederla nelle opzioni di stampa. Così potrai stampare direttamente dal tuo dispositivo Android senza dover andare al PC.

Le opzioni per sviluppatori con più statistiche

La prima cosa che faccio quando ho un nuovo dispositivo con Android è quello di attivare le opzioni per sviluppatori. Ciò non è necessario se non devi o non vuoi modificare in profondità il tuo Android, però in questo modo avrai a disposizione altre funzioni extra.

La funzione più interessante è quella di poter vedere le statistiche di tutti processi attivi. Qui vengono mostrati i dettagli di ogni applicazione, su come sta funzionando e a quali servizi ha accesso, oltre a una barra che indica l’uso della memoria del dispositivo. È uno strumento fantastico sia per sviluppatori che per utenti avanzati perché consente di vedere quale applicazione sta consumando più RAM e rallentando così il sistema.

Una funzione questa che sarà molto utile soprattutto sui vecchi dispositivi per individuare quella app o processo sta consumando tutta la memoria. Inoltre consente agli sviluppatori di testare e perfezionare le loro applicazioni in un ambiente ottimizzato prima di rilasciarle definitivamente per il pubblico.

Un miglioramento di Android continuo

Quello che risulta evidente in Android 4.4 KitKat è che Android è Google, e che Google è Android. Quando Android 4.4 verrà invece usato e modificato dai produttori di terze parti, la cosa potrebbe cambiare completamente. I nuovi cambiamenti, come il minor uso della RAM, aprono nuove possibilità per i dispositivi più vecchi, ma sarà difficile, per lo meno negli Stati Uniti, che questi ultimi vengano aggiornati alla versione KitKat.

I cambiamenti di Android a livello di frontend mostrano come Google sia collegato al sistema operativo in maniera sempre più profonda. Avere la home screen di Google Now sempre sott’occhio è una funzione eccellente se sei solito usare i prodotti Google.

Al momento, le uniche applicazioni che seguono il nuovo design di Android sono le app di Google, e non tutte sono state aggiornate. Le app più popolari non sono state aggiornate per supportare fino in fondo Android 4.4, ma lo saranno non appena altri dispositivi riceveranno l’aggiornamenti al KItKat. Android 4.4 KitKat è in definitiva un update piccolo, ma importante.

Considera anche che se Android 4.4 risponde molto bene su un Nexus 5, non è detto che lo stesso avvenga sui dispositivi più vecchi con solo 512 di RAM. Se Android 4.4 funzionerà su questi vecchi dispositivi come su quelli nuovi, allora Google avrà raggiunto il suo obiettivo. Google continua a migliorare Android passo dopo passo e Android 4.4 KitKat rappresenta un passo importante perché è il primo grande passo intrapreso da Google per combattere la frammentazione di Android.

Leggi altro su Android 4.4  Che cos’è il Google Play Services?

[Adattamento di un articolo originale di Christopher Park su Softonic EN]

Potrebbe interessarti anche