Scegliere e pianificare cosa mangiare con le app. Ecco qualche consiglio

Scegliere e pianificare cosa mangiare con le app. Ecco qualche consiglio

Ho iniziato a programmare i miei pasti e scegliere cosa mangiare in anticipo quando ero in dolce attesa. Ma è bastato rientrare al lavoro, iniziare a fare la pendolare e un po’ di esercizio per sentirmi completamente persa! Decidere cosa mangiare, vedere se avevo in frigo gli ingredienti necessari e cucinarli era una procedura che risucchiava tutte le mie energie e dopo averla portata a termine non avevo neanche la forza di assaggiare quello che avevo preparato.

Però, credo che attenersi a una dieta bilanciata e variegata sia la chiave per far felice il bambino che verrà, quindi cosa potevo fare?

Nutri te stesso e gli altri

Pianificare in anticipo i miei pasti. Ecco cosa dovevo fare. Mi è bastato sedermi di fronte al computer una domenica, con una pila di libri di cucina e un blocchetto per gli appunti e pianificare. Ha funzionato alla perfezione. Mi sono divertita durante l’organizzazione, abbiamo seguito una dieta bilanciata e sfruttato i vantaggi di molti avanzi, mi sono goduta la semplicità dei giri al supermercato e i minori sprechi. In breve, ne è valsa proprio la pena e a distanza di tre anni continuiamo a programmare i nostri pasti ogni settimana.

Con il passare del tempo, ho cambiato strategia e, inoltre, le nuove app per la pianificazione dei pasti sono spuntate come funghi. Alcune sono davvero accattivanti, mentre altre assomigliano più al blocchetto con cui andiamo a fare la spesa, ma sono qui per avvertirvi che se amate il cibo e la cucina, le app di questo tipo forse non sono il modo migliore per organizzare i vostri pasti.

Porta a termine la missione

Perché non usare le app per pianificare i pasti? Perché il loro funzionamento si basa sulla limitazione drastica del cibo da utilizzare e dei prodotti da comprare. Ora se hai poco tempo e cucini per evitare che la tua famiglia muoia di fame, potrebbero essere un buon compromesso. Queste app attingono a un database di ricette che, in alcuni casi, è piuttosto ampio. Cook Smarts, ad esempio, attinge le ricette proposte da 100 fonti diverse, mentre altre app sono un po’ più limitate. In ogni caso, ti tolgono l’onere di deciere cosa cucinare, mostrandoti un piccolo assortimento dei prodotti che, secondo loro, potrebbe soddisfare le tue esigenze.

Servizio di pianificazione dei pasti

Molte hanno un occhio anche per il budget: puoi limitare la selezione dei negozi a quelli più economici, inserire i dati necessari per acquistare grandi quantità, riscattare buoni o cucinare fino a riempire il tuo congelatore. Inoltre, si adattano a diversi regimi alimentari: senza glutine? Paleodieta? Fruttarismo? Dopo che sarai riuscito a programmare il tuo pasto, ti verrà proposto un elenco della spesa, per il quale non solo non ti sarà richiesto alcun input, ma che si adatta anche alla configurazione del tuo supermercato locale: dunque non ti proporrà il succo di mela prima della salsa di mela, se non corrisponde all’organizzazione del negozio che frequenti.

Mangia senza pensieri

In breve, queste app utilizzano tutti gli strumenti che hanno a disposizione, per combinare tutte le informazioni che inserisci, i tuoi requisiti e le tue preferenze in una programmazione pulita, chiara e facilmente realizzabile per tutta la settimana. In alcuni casi, le app sono in grado di proporti una pianificazione di più settimane o perfino di mesi ed effettivamente eliminano lo stress di dover nutrire la famiglia, regalandoti il tempo di dedicarti ad altro. Se hai pagato per un servizio completo, che inclue anche la consegna a domicilio della spesa, tutto quello che ti resta da fare è di farti trovare in cucina e seguire alcuni passi molto semplici.

Ma a me piace pensare!

E qui casca l’asino: infatti a me piace pensare a cosa cucinare, andare a fare la spesa e, per giunta, adoro cucinare! Per me è un modo per rilassarmi: mi gusto il momento in cui mi siedo a leggere le ricette per vedere i prodotti di stagione, quelli che al mercato avevano l’aspetto migliore, scovare piatti nuovi da provare, ecc, ecc.

Le mie ricette hanno le provenienze più svariate e le opzioni limitate offerte dalle app mi lasciano semplicemente insodisfatta. La maggior parte di quelle che uso sono in formato cartaceo e anche se posso inserirle manualmente è un lavoro noioso che non mi va di fare. Non vado a fare la spesa nei supermercati ordinari ma mi piace andare nei negozi locali e nei mercati, oppure scoprire nuovi supermercati. Infine, scrivere la lista della spesa non è poi un grande sforzo per me.

A modo mio

Invece di lasciarvi con il fiato sospeso, vi rivelerò semplicemente la soluzione che ho trovato io. Forse non andrà bene a tutti ma sicuramente per me funziona benissimo. Spero che almeno possiate trarne ispirazione.

La prima cosa da fare nel momento in cui inizierete a pianificare i vostri pasti è essere completamente onesti sulla provenienza delle vostre ricette e delle vostre idee. Le mie ricette più datate vengono dai siti web e dai blog, che ho salvato tra i bookmark di Chrome, perché ho la possibilità di sincronizzarli tra più dispositivi. Quando navigando sul mio iPad scopro nuove ricette e nuove idee le salvo su Pocket e se usi le estensioni del browser, avrai la possibilità di aggiungere anche i tag che sono particolarmente utili.

La funzionalità di sincronizzazione di Chrome è ottima per le ricette

Salvo le ricette provate, collaudate e approvate da tutta la famiglia in Delicious: una vecchia web app con ottime opzioni di tagging, che offre anche spazio per le note, una caratteristica molto importante quando ci si mette ai fornelli. Inoltre, se altri utenti hanno salvato lo stesso link, avrai la possibilità di leggere le loro annotazioni, che vanno ad arricchire i commenti del blog e le recensioni delle ricette.

Delicious è una app, che funziona ancora bene

Utilizza i libri i ricette (cartacei)

Infine, per riuscire a sfruttare al massimo le ricette dei libri i cucina, uso Eat Your Books: un servizio a pagamento che raccoglie i libri di ricette più famosi e riporta in formato digitale gli indici, i nomi delle ricette e le categorie. Dopo aver effettuato l’accesso, devi comunicare all’app i libri di cucina che possiedi tra quelli indicizzati. Una volta che li avrai inseriti nella tua raccolta, potrai eseguire una ricerca dal tuo computer come se fossero disponibili online. Peccato che sia solo in inglese!

Eat Your Books è un servizio molto utile

Dopo aver trovato la ricetta che ti piace, segnati il nome e il libro, dirigiti verso la libreria e trovalo! Se da un lato è vero che il database di Eat your Books non contiene tutti i libri di cucina esistenti, innanzitutto ce ne sono davvero moltissimi, in secondo luogo il database è in costante espansione e terzo, se un libro che stai cercando non è disponibile puoi aggiungerlo tu stessa. Attenzione: il servizio funziona soltanto con libri pubblicati in lingua inglese.

Concepire il grande piano

A questo punto, quando tutte le fonti descritte sono aperte di fronte a me, inizio a pianificare: per scrivere il programma e l’elenco della spesa utilizzo Wunderlist. Innanzitutto, annoto rapidamente le mie idee e cerco di scovare le ricette che potrebbero soddisfarle, utilizzando le funzionalità di ricerca e di tagging descritte sopra. Dopo aver deciso (lasciando spazi bianchi per cambiamenti dell’ultimo minuto e pasti al ristorante), verifico le scorte in cucina e stilo un elenco della spesa. Poiché tutta la programmazione è salvata su Wunderlist, potrò visualizzare sia il programma che l’elenco della spesa su più dispositivi e condividerli con più utenti. Questo significa che se vuoi coinvolgere il tuo partner, i tuoi coinquilini o i tuoi bambini nel processo, puoi farlo!

Un elenco della spesa in Wunderlist

Gli aspetti negativi e alcune possibili miglioramenti

Ti stai chiedendo se questo metodo presenta degli aspetti negativi? Sì, ne ha alcuni. A seconda dei punti di vista, potrebbe averne molti anche se, come me, ti piace pianificare i tuo pasti, sono sicura che questo metodo è migliorabile. Innanzitutto, richiede riflessione e tempo, non tantissimo, diciamo che se sono di fretta me la posso cavare in 15 minuti, ma normalmente dedicherei circa 1 ora. Se devi scrivere l’elenco della spesa a mano non sarà molto utile quando uscirai a fare spese; è molto più semplice farlo su un computer o su un laptop. La procedura comporta un po’ di navigazione tra i tab e molto copia e incolla.

La procedura può diventare un po' complicata

Per limare alcune di queste difficoltà, potresti ricorrere alle app per il monitoraggio dell’elenco della spesa e/o della dispensa. Questo funziona se fai la spesa tutte le settimane negli stessi supermercati.

Se invece desideri pianificare i tuoi menu soltanto per nutrire qualcuno, suppongo che il metodo proposto ti sembrerà solo molto stressante e preferirai evitarlo. Se ami il cibo, ami cucinare e ti piace riflettere su entrambi, potresti trasformarlo nel tuo hobby.

Provalo e fammi sapere se riesci pensare ai miglioramenti!

[Adattamento di un articolo originale di Niamh Lynch su Softonic EN]

Vedi tutti i comment
Visualizzazione commenti in corso...