Perché non uso più Microsoft Word

Sto scrivendo questo articolo su Google Drive e successivamente lo pubblicherò su Softonic. In nessun momento avrò bisogno di Word. In realtà, è da mesi che non lo uso.

La maggior parte dei miei bisogni sono già coperti dalle applicazioni cloud come Google Drive, Evernote e WordPress. Uso Word solo quando devo aprire dei moduli, eseguire il rilevamento delle modifiche di un testo o impaginare dei documenti complessi.

In alcuni compiti per cui Word è famoso, come il controllo ortografico, ho riscontrato dei risultati migliori con Drive, forse perché i suggerimenti di Google si nutrono di miliardi di pagine web.

Qualcosa mi dice che Word è invecchiato male, che il suo ultimo restyling è arrivato troppo tardi per salvarlo da un momento di ristagno.

Negli Stati Uniti, Google Drive è più cercato di Microsoft Word (dati di Google Trends)

Word è molto fedele alle sue origini, forse troppo

Ho iniziato a usare Word nel ‘94. A quei tempi, la versione 6.0 aveva tutto ciò che mi serviva per creare e modificare un testo. Word 6 era veloce e semplice, con solo due barre degli strumenti e una dei menù. Per chi non voleva complicarsi la vita, era un editor perfetto e il suo design era in linea con le altre utility di Windows.

Dieci anni dopo, continuava ad essere quello di prima. La versione 2003 iniziava a essere più colorata, ma manteneva le tradizionali barre degli strumenti e, cosa più importante, non aveva Clippy, il tanto odiato assistente di Office che ha infastidito innumerevoli utenti di Word 97 e che è stato disattivato di default in Word XP.

La versione 2007 e il suo ribbon hanno creato dei grandi scompensi in molti di noi. Gli utenti si lamentavano di tutto: delle schede, dello sfondo colorato e dello spazio limitato. Ma ci siamo abituati in fretta, grazie anche alla versione 2010, che consentiva la personalizzazione del ribbon. Con Word 2013, invece, siamo tornati alle origini: il documento è il vero protagonista.

Poche differenze tra il 1991 e il 2013: Word è tornato alla sua funzione originaria di edizione e modifica dei testi

Google Drive ed Evernote sono più semplici e collegati meglio

Dal mio punto di vista, la versione 2013 di Word è la migliore, ma è arrivata troppo tardi per invertire l’attuale tendenza a migrare verso i servizi cloud. Le applicazioni desktop sono state emarginate da quelle mobile, come Google Drive ed Evernote che hanno portato l’edizione dei testi sui browser, sui cellulari e sui tablet.

In entrambi i casi si tratta di applicazioni semplici, indispensabili e online. Drive ed Evernote facilitano il lavoro di squadra, migliorano la sicurezza dei dati e hanno ottenuto qualcosa di eccezionale: non è più necessario inviare delle email o spostare delle memorie USB da un PC a un altro.

Lo sapevi che puoi anche aggiungere Drive e Dropbox a Word 2013?

Un altro fattore da considerare è la libertà che danno Evernote e Drive quando si lavora con sistemi operativi diversi. Per caricare un documento sul cloud di Google non hai bisogno di installare nulla: apri un navigatore su Mac, Linux o Android e con un solo click hai tutti i tuoi documenti a portata di mano.

La crisi non è solo di Word, ma dell’office automation tradizionale

Microsoft sta pagando a caro prezzo la sua scarsa velocità di adattamento, perdendo quote di mercato nel segmento domestico. Si parla di un “decennio perso” e l’uso sempre meno frequente di Word è un sintomo di tale declino. Qualcuno si chiede se Microsoft non dovrebbe convertire Word in un prodotto gratuito per tutti.

Word Web App emula completamente l’interfaccia di Word 2013

Tuttavia, anche se Office fosse gratuito, non vedo perché la gente dovrebbe tornare a Word. Le persone non stanno lasciando Word per OpenOffice, bensì per Drive ed Evernote.

La crisi non è di Word, ma dei software di produttività tradizionale. L’editing dei documenti non si esegue più esclusivamente sul desktop, bensì sul browser. È proprio lì che Microsoft dovrebbe presentare una proposta originale, anziché un semplice clone della versione classica.

Cosa pensi del declino di Word e delle suite office tradizonali?

[Adattamento di un articolo originale di Fabrizio Ferri-Benedetti su Softonic ES]

Visualizzazione commenti in corso...