Pubblicità

Articolo

OS X 10.7 Lion: tutti i gesti multitouch

Pier Francesco Piccolomini

Pubblicato

Gesture trackpad LionAbbiamo già parlato in generale delle novità introdotte da Apple nella nuova release del suo sistema operativo per Mac, Mac OS X 10.7 Lion. Dal post emergeva chiaramente che lo sforzo di Cupertino, stavolta, era diretto decisamente in direzione dell’usabilità.

In questa ottica, il cuore del nuovo OS è rappresentato dalle gesture con cui si gestisce il computer. Aprire, chiudere, ruotare, spostare, scegliere, lanciare, cambiare, interrogare: ogni operazione, adesso, è ottenibile tramite un tocco delle dita sul trackpad o sul Magic Mouse.

Prima di sperimentare di persona queste novità, dobbiamo confessarlo, eravamo scettici sulla possibilità di entrare rapidamente nell’ottica del nuovo mondo trackpad-centrico di Steve Jobs, e credevamo che interiorizzare ogni gesto sarebbe stato un processo lento. Ma sbagliavamo. Tutto è incredibilmente facile, perché è in qualche modo istintivo. Vediamo nel dettaglio ogni gesto (o, all’americana, gesture).

Nel pannello Trackpad delle Preferenze di sistema, innanzitutto, tutte le gesture sono spiegate tramite microfilmati. Questa è un’ottima idea, perché nonostante il notevolissimo gradi di intuitività, alcune funzioni rischiano di restare nascoste. Dopo una rapida occhiata a questo tutorial-lampo, invece, il trackpad in OS X Lion sarà chiarissimo a tutti.

Tocca per fare click – È il classico click singolo del mouse, e qui c’è ben poco da dire.

Click secondario – È il click destro. Puoi ottenerlo scegliendo tra tre opzioni: un tocco sul trackpad con due dita, uno con un solo dito nell’angolo in basso a destra oppure uno con un solo dito nell’angolo in basso a sinistra.

Cerca Questa probabilmente è la funzione più nascosta: mentre navighi in internet con Safari, tramite un doppio click con tre dita su una parola appare un pop up con la definizione dell’Oxford Dictionary che l’OS ha installato di default, e anche un’ampia serie di sinonimi. Una comodità enorme, anche se gli anglofoni ne godranno i benefici più degli altri.

Trascina con 3 dita

Trascina con tre dita – Un’opzione non spuntata di default. Se la selezioni, toccando il trackpad con tre dita e spostandole, sposti la finestra attiva in quel momento.

Direzione di scorrimento naturale – Il comportamento di default che aveva il trackpad sulla versione RC di Lion aveva lasciato tutti un po’ perplessi, perché faceva sì che lo scorrimento delle pagine funzionasse in senso opposto a quello a cui siamo da sempre abituati (per scendere trasciniamo due dita in giù). Adesso questa opzione è selezionabile, ma non più proposta automaticamente.

Riduci e ingrandisci

Riduci o ingrandisci – Uno dei tanti prestiti di iOS: poggiando due dita (tipicamente pollice ed indice) sul trackpad e allontanandole ottieni uno zoom (ingrandisci quindi ciò che stai guardando: una foto, una pagina web…), mentre avvicinandole hai l’effetto opposto.

Smart zoom – Anche qui l’iPhone e l’iPad hanno aperto la strada: con un doppio click fatto con due dita (tipicamente indice e medio) su una pagina web, ingrandisci e porti al centro la parte su cui il mouse si trova. Una funzione utilissima per leggere più agevolmente. Dalla situazione di zoom in, un nuovo doppio click con due dita riporta la visualizzazione alla situazione normale.

Ruota con due dita

Ruota – Poggiando due dita (sempre pollice ed indice) sul trackpad e ruotandole contemporaneamente ottieni la rotazione della foto o della pagina del documento che stai guardando.

Scorri tra le pagine

Scorri tra le pagine – Una delle gesture più naturali: facendo il gesto di sfogliare le pagine di un libro sul trackpad sfogli le pagine sullo schermo. Puoi scegliere se usare due dita, tre dita o entrambe le opzioni indifferentemente.

Scorri le app a tutto schermo – Facendo scivolare a destra e a sinistra tre o quattro dita sul trackpad, scorri tra le applicazioni aperte a schermo intero. Questo ti consente di lavorare con una visualizzazione sempre soddisfacente senza rinunciare alla praticità del “multitasking estremo”.

Mission control – Se scorri sul trackpad con quattro dita (o con tre verso l’alto) lanci Mission control, che mette a disposizione miniature di tutte le finestre aperte raggruppandole per applicazione. Un elisir per chi lavora con tanti programmi aperti contemporaneamente e deve passare con frequenza da uno all’altro.

App Exposé

App Exposé – Se scorri tre (o quattro) dita verso il basso, Exposé creerà le miniature di tutte le finestre dell’applicazione attiva che sono aperte al momento del comando. Praticamente svolge lo stesso compito della gesture precedente, ma limitandolo alla sola applicazione in primo piano.

Launchpad gesture

Launchpad – Senza dubbio la gesture più pittoresca del carnet. Con cinque dita, grazie a un gesto simile a quello che faresti per togliere il coperchio ad una pentola (!) lanci il Launchpad, che contiene tutte le tue applicazioni. La visualizzazione è identica a quella del desktop dell’iPad, con le icone delle app ordinate su una griglia. Come in iOS, puoi organizzare le applicazioni in cartelle trascinandole una sopra l’altra o su cartelle già esistenti.

Mostra scrivania

Mostra scrivania – Appoggia pollice, indice, medio e anulare sul trackpad, vicini tra loro. Distendi la mano facendo divergere le dita. Tutte le finestre aperte si faranno da parte, mostrando la scrivania.

Potrebbe interessarti anche