La storia del menu Start di Windows

La storia del menu Start di Windows

Che ci si creda o no, ci furono tempi bui in cui Windows non aveva il pulsante Start.

Nessuno ne sentiva la mancanza, perché non era mai esistito. Eppure il suo avvento era in qualche modo scritto tra i meandri del codice binario di Windows 3.1, l’ultimo sistema operativo di vecchia concezione prima della rivoluzione di casa Microsoft chiamata Windows 95.

Quest’anno il tasto Start compie 18 anni. Un’età di tutto rispetto, nel mondo dell’informatica, in cui tutto invecchia e scompare in tempi rapidissimi. E la prova dell’affetto che ancora lo circonda è la battaglia che gli utenti di mezzo mondo hanno intrapreso per riaverlo anche in Windows 8. Una battaglia, almeno parzialmente, vinta.

Ma per capire bene questa vicenda di amore e bit, ripercorriamo la storia del bottone più famoso della storia dei computer.


Windows 95

Win95-startbuttonWindows 95 uscì il 24 agosto del 1995, e a scaldare quella lunga estate non fu solamente il solleone, ma anche quel bottone che comparve sui nostri PC, un rettangolo grigio con il logo Microsoft stile 8 bit che, come una chiave magica, apriva le porte ad un modo nuovo di rapportarsi al computer.

Win95-01

Dal misterioso bottone potevi accedere ai programmi installati nel PC, alla cartella Documenti, alle preferenze di sistema, alle funzioni Trova ed Esegui, al menu Aiuto e al tasto di spegnimento.

I detrattori di Windows hanno fatto spesso ironia sul fatto che, per spegnere il computer, si dovesse cliccare sul tasto Start. Ma questo dettaglio non ha impedito a milioni di utenti di affezionarsi al nuovo bottone.

Windows 98

it02Il tasto Start regge perfettamente il passaggio a Windows 98, restando quasi identico. C’è qualche aggiunta di default (l’accesso alla cartella Preferiti e il pulsante di log off dall’utente, ad esempio), ma l’aspetto è identico. La bandierina Microsoft, che col tempo si abbellirà un po’, continua a sventolare, e la brezza che la gonfia sembra ben lontana dall’affievolirsi.

win98start

Windows XP

Start button XPQui le cose si fanno serie. L’interfaccia di Windows, in questa versione dell’OS, cambia radicalmente. Tutto si arrotonda, compreso il nostro amato pulsante Start. Ora i bordi sono ingentiliti rispetto allo spigoloso pulsante grigio e puntuto delle origini. Anche il logo Windows viene catapultato nel nuovo millennio, con i suoi colori, le luci e le ombre.

winxp_rc

Il nuovo menu è ovviamente molto più ricco e bello, a cominciare dall’immagine dell’utente (personalizzabile) e dalle icone, che finalmente evocano un  mondo festoso e non funereo.

Windows Vista

windows-start-buttonNonostante sia stato il sistema operativo meno amato della storia dell’informatica, Vista era esteticamente molto bello.

La razionalizzazione del menu Start, che ora vanta un’eleganza sobria, segna chiaramente il passaggio dal mondo cartoon di XP all’era di Windows Aero, che sfrutta la capacità di elaborazione delle moderne schede video per offrire un’interfaccia moderna e suggestiva.

vista_start_menu_1024x768

Il pulsante Start è ora circolare, un logo Windows che sembra racchiuso in una sfera di vetro trasparente, quasi come fosse la palla di vetro di un indovino.

Windows 7

Windows_Start_ButtonIl passaggio alla UI Aero è compiuto, e l’immarcescibile menu Start mostra con orgoglio la maturità dei suoi quasi 14 anni. Il menu Cerca è scomparso, sostituito da una molto più pratica search bar posizionata comodamente in basso a sinistra.

Il pulsante è uguale a quello di Windows Vista.

Windows-7-1

Windows 8

Win 8 iconL’era nuova delle interfacce touch è al suo apice. Smartphone e tablet hanno abituato gli utenti ad interagire con le macchine in modo non mediato. E il mondo dei PC si adegua.

Così Microsoft, il 26 ottobre del 2012, dona (si fa per dire) al mondo un OS totalmente rivoluzionato, con un’interfaccia a piastrelle che fatica a trovare un nome ufficiale (interfaccia Metro, poi interfaccia Modern) ma che si può usare sia con mouse e tastiera, sia con i comandi tattili.

Windows-8-start-screen

Questo matrimonio tra tablet e computer, per molti aspetti positivo e proficuo, causa però la morte improvvisa ed inattesa del nostro amato pulsante Start, che era presente nella preview che Microsoft aveva messo a disposizione degli sviluppatori per poi venire fatto fuori nella versione definitiva.

Ma gli utenti lo vogliono, lo cercano. Cominciano a fioccare suppliche, idee, soluzioni più o meno fai da te per riaverlo, gli utenti protestano a gran voce, il mondo intero è scosso da questa improvvisa dipartita.

Tanto che l’avvicinarsi della commercializzazione di Windows 8.1 è dominato da una domanda: ci ridaranno il pulsante Start? Redmond promette di sì, ma è una promessa che, per ora, sembra verrà mantenuta a metà. Il tasto, infatti, ci sarà, ma probabilmente servirà solo a tornare alla schermata di inizio di Windows e poco più. Insomma, l’antico splendore è diventato un lumicino tenue.

Win 8 Start Button

Lo sguardo del vecchio leone, ormai reso opaco dalla vecchiaia, è solo il ricordo di un passato di vigore. Qualcuno potrebbe dire che il tramonto del re della foresta segna il passaggio all’era delle iene. Ma in realtà è solo il mondo che gira e che cambia.

Però, diciamolo, questa consapevolezza non riesce a fermare la nostalgia, che ogni tanto, alla vista di quel bottone che ciascuno di noi ha cliccato decine di migliaia di volte, ci fa fermare un istante, e ci fa pensare ad un passato che, come sempre accade con i ricordi, sembra più bello e perfetto di quanto in realtà non sia stato. Lacrimuccia.

Vedi tutti i comment
Visualizzazione commenti in corso...