Pubblicità

Trucchi e Consigli

Hacker russi rubano oltre 1 miliardo di password

Hacker russi rubano oltre 1 miliardo di password
Laura Ceridono

Laura Ceridono

  • Aggiornato:

Ancora una volta si torna a parlare di furto di password e dati sensibili. Quello riportato ieri dal New York Times potrebbe essere il più grande attacco informatico della storia. Un record poco piacevole.

Un gruppo di hacker russi avrebbe infatti sottratto più di 4,5 miliardi di informazioni sensibili da 420.000 siti web. I dati rubati includono 500 milioni di indirizzi email e oltre 1,2 miliardi di nomi utente e password.

L’azione di pirateria informatica è stata scoperta dalla società di sicurezza Hold Security, che al momento non vuole rivelare i siti coinvolti nell’attacco, per non permettere ad altri hacker di usarne le vulnerabilità per rubare dati.

Gli hacker per il momento non avrebbero rivenduto i dati rubati. Starebbero invece usando gli account compromessi per diffondere spam sui social network.

I numeri fanno girare la testa, ma è ancora presto per farsi prendere dal panico. Bisognerà prima valutare la reale portata dell’attacco. Al momento i dati bancari degli utenti non sembrano essere stati coinvolti e questo tipo di furti sembra puntare ad acquisire dati personali per poi rivenderli agli spammer, più che al furto di carte di credito, facilmente bloccabili dagli utenti.

Detto questo, meglio non abbassare la guardia. Anzi, può essere l’occasione giusta incrementare le proprie misure di sicurezza online. Evitare di usare le stesse password non basta più.

Ecco una serie di articoli con cui mettere in cassaforte i propri dati:

    È arrivato il momento di usare un gestore di password. Scopri perché!

      9 consigli per proteggere la tua privacy in internet

          Cosa fare se ti rubano la password di Gmail

            Addio spyware: come scoprire e denunciare chi spia il tuo PC


              Segui su Twitter @LauraCeridono

              Laura Ceridono

              Laura Ceridono

              Le ultime novità da Laura Ceridono