Pubblicità

Articolo

Google tiene traccia di ogni tua mossa, ma tu potresti anche volerlo

Lewis Leong

Pubblicato

Nelle scorse settimane, la rete è stata in fermento per la notizia secondo cui Google Maps tiene traccia di ogni tua mossa. Puoi verificare quanto ciò sia interessante e inquietante visualizzando la cronologia delle posizioni sul web. Tuttavia, il rilevamento della posizione non è una novità e Google non è l’unico a monitorare i tuoi movimenti.

Molte applicazioni come FacebookTwitter ti controllano costantemente, ma la maggior parte degli utenti non ne sono consapevoli finché non controllano le loro impostazioni di localizzazione. Google e Facebook offrono mappe per la cronologia delle posizioni, quindi meglio sapere esattamente ciò che ogni sito sa sul tuo conto e, naturalmente, come disattivarlo.

Google tiene traccia di ogni tua mossa, ma tu potresti anche volerlo

Sebbene la tua prima reazione potrebbe essere quella di disabilitare il rilevamento della posizione di Google, in realtà potresti trarre beneficio da questa funzione. Ecco perché.

Google Now

L’assistente virtuale di Google ha un gran bisogno di sapere esattamente dove ti trovi in ogni momento. In base alla posizione e al traffico, ti può suggerire quando sarebbe meglio partire per arrivare in orario ad un appuntamento. Ti fornisce anche informazioni rilevanti relative alle località vicine, come le fermate degli autobus o i ristoranti. La cronologia delle posizioni permette a Google di darti consigli pertinenti sui risultati delle ricerche nonché le informazioni meteo della città in cui ti trovi.

Google Now public transit and weather

Personalmente trovo che Google Now sia indispensabile per la tempistica degli spostamenti. Il traffico a San Francisco Bay Area, da cui scrivo, è molto variabile e Google Now mi ha evitato più volte di trovarmi in mezzo a degli ingorghi. Qualche settimana fa, avevo una prenotazione al NOPA di San Francisco, Google mi ha avvisato di partire con largo anticipo poiché sull’autostrada si erano verificati diversi incidenti e non esistevano percorsi alternativi più veloci.

Il servizio è interamente opt-in e ti avvertirà ripetutamente del fatto che sta monitorando la tua posizione. Le persone che amano la privacy più della comodità possono disabilitare Google Now e la Cronologia delle posizioni. Più avanti ti spiego come fare.

Share your commute using Google Location History

Commute sharing

Le coppie potrebbero trovare questa funzione estremamente utile. Il servizio avvisa il tuo partner quando stai uscendo o sei arrivato a casa o al lavoro. Questa funzione esiste già da un po’, ma sotto il nome di Google Latitude. Commute sharing usa Google+ per farti scegliere con chi condividere il tuo tragitto.

Per abilitare questa funzione, attiva Google Now e tocca il pulsante del menu (tre puntini) nella parte inferiore dello schermo. Dopodiché premi Accounts & privacy e vedrai l’opzione Commute sharing. Da qui puoi selezionare singoli amici o intere cerchie di Google+ con cui condividere il tuo percorso.

Le app di Google parlano tra di loro

Google Maps non è l’unica applicazione di Google che utilizza la posizione. Le app della società sono così strettamente integrate che la localizzazione è condivisa tra le varie applicazioni e servizi.

Google Calendar può usare le informazioni sulla posizione per farti sapere dove si svolge la tua prossima riunione. Google Now usa questi dati e li combina con le informazioni sul traffico per assicurarti che non arriverai tardi.

Google Now può controllare il tuo account Gmail per cercare informazioni di viaggio e prenotazioni alberghiere per dirti quando partire in base alla tua posizione.

Se perdi il cellulare, Android Device Manager può trovare, bloccare e cancellare il tuo telefono da remoto. Questa funzione si basa fortemente sui servizi di localizzazione.

Come disattivare la cronologia delle posizioni

Sebbene considero che queste caratteristiche siano molto utili, capisco anche che molti non la pensano allo stesso modo. Il fatto che Google sappia quasi tutto di me è abbastanza inquietante e preoccupante. Ciononostante, Google fornisce agli utenti molta trasparenza, facendo loro sapere quali informazioni vengono raccolte e consentendo loro di cancellare i dati se lo desiderano.

Se per te la privacy è più importante della comodità, ecco come fare a eliminare e disattivare la cronologia delle posizioni su Android e iOS.

Android

Attiva Google Now sul dispositivo e tocca l’icona del menù (scorri verso il basso). Premi Accounts & privacy, dopodiché Google location settings. Da qui puoi attivare o disattivare la segnalazione della posizione (location reporting) e la Cronologia delle posizioni (location history). Tocca Location history e disattivala. Se desideri cancellare tutti i dati relativi alla posizione precedentemente raccolti, premi DELETE LOCATION HISTORY nella parte inferiore dello schermo. Questa opzione eliminerà tutta la cronologia delle posizioni che Google ha raccolto su di te.

Turn off Google Location History

iOS

Il processo è lo stesso di Android, ma i menu sono leggermente differenti. Vai alle Impostazioni di Google MapsGoogle Search e cerca Location history. Da qui, puoi disattivare la segnalazione della posizione e la cronologia delle posizioni per assicurarti che Google non tenga più traccia di te.

Per qualche strana ragione, Google non ha un’opzione per eliminare l’intera cronologia delle posizioni per le applicazioni iOS. Dovrai quindi usare il sito.

iOS Google Maps Location History settings

Alla fine, devi decidere se la comodità vale di più della privacy. Se non usi Google Now o Commute sharing, non c’è motivo di mantenere attiva la cronologia delle posizioni. Se pensi che Google Now sia utile, proteggi il tuo account Google con l’autenticazione in due passaggi, così da impedire agli hacker di accedere ai tuoi preziosissimi dati di localizzazione.

Le applicazioni che controllano la tua posizione sono molte, quindi cerca di scoprire quali sono e a che scopo lo fanno. Prenditi del tempo per trovare le app che usano i servizi di localizzazione e disinstalla quelle a cui non vuoi far conoscere la tua posizione.

[Adattamento di un articolo originale di Lewis Leong su Softonic EN]

Potrebbe interessarti anche