Pubblicità

Minecraft, DayZ… Comprare giochi con accesso anticipato conviene?

Minecraft, DayZ… Comprare giochi con accesso anticipato conviene?

Il cosiddetto early access è la nuova moda diffusa tra i giocatori più abili ed appassionati di videogiochi: acquisti un gioco ed ottieni un accesso anticipato, ancor prima del suo lancio commerciale. Privilegio o truffa?

Da alcuni anni a questa parte, un videogioco può acquistare popolarità ed essere provato ancor prima del suo rilascio. Tutto questo è possibile grazie all’accesso anticipato (o early access, in inglese), una forma di acquisto secondo la quale si paga per provare il gioco prima ancora che venga sviluppato e venduto il prodotto finale.

Sembrerebbe perfetto, ma non è tutto oro quel che luccica. L’accesso anticipato è senz’altro un bonus per qualsiasi giocatore appassionato, ma nasconde alcune pecche che potrebbero lasciarti con la sensazione di aver buttato i tuoi soldi.

Oggi spiegherò i pro e i contro dell’accesso anticipato in modo che, se stai pensando di acquistare un gioco in questa modalità, tu possa valutare se ne vale la pena o no.

Su Steam sono presenti la maggior parte degli early access attuali

Che cos’è l’early access?

L’accesso anticipato è una modalità di pagamento che ti permette di accedere a un gioco prima che venga messo in vendita.  A differenza di una versione demo o di una versione beta, che ti offrono un contenuto limitato del gioco (alcune fasi, missioni o mappe, sempre con opzioni limitate), un early access ti offre tutto il contenuto mano a mano che gli sviluppatori lo creano.

In altre parole, avrai la possibilità di provare realmente tutto il gioco prima dell’utente finale ed è probabile che tu possa provare, in esclusiva, missioni o personaggi inediti che non vedranno mai la luce nella versione commerciale del gioco.

Inoltre, solitamente un early access offre altri bonus. Tra i più comuni troviamo un prezzo inferiore al costo di vendita al pubblico, nonché contenuti esclusivi o determinati privilegi, come, ad esempio, l’accesso a estensioni e ad altro contenuto che si svilupperanno a posteriori senza dover spendere un centesimo in più.

La differenza con un crowdfunding è che in quest’ultimo caso paghi solo se si raggiunge l’obiettivo, quindi, se il gioco non dovesse mai vedere luce, non pagheresti nulla.  Con l’accesso anticipato, invece, potrai già provare il gioco dal momento dell’acquisto… che poi veda o no la luce, quella è un’altra storia.

Paga e usufruisci di migliorie ed aggiornamenti continui… o no.

Dunque, sono un tester e devo pure pagare?

Ebbene sì, così potrebbe essere interpretato l’accesso anticipato, dato che dovrai abituarti all’idea, soprattutto se sei uno dei pionieri, di avere a che fare con una versione scarsamente sviluppata e che necessita di perfezionamenti.

A differenza di una versione beta, che è offerta gratuitamente a cambio (in teoria) di informare lo sviluppatore del gioco riguardo a qualsiasi errore, in acceso anticipato non sei obbligato a riportare errori, ci mancherebbe altro… Però è chiaro che, anche se indirettamente, fornirai informazioni parlando con i tuoi amici nei social network o nei vari forum dedicati al settore.

Un esempio di forum molto attivo si può trovare nel pannello Discussioni di Broforce un gioco attualmente in accesso anticipato che sta raccogliendo molti consensi.

Che debba pagare per testare videgiochi può essere positivo o negativo, chiaramente. La parte positiva è che riportando errori contribuirai a migliorare il gioco, sarai una parte importante del suo sviluppo che sarà migliore grazie al tuo aiuto. La parte meno positiva è che stai facendo un lavoro da volontario che, in realtà, dovrebbe svolgere un team qualificato e ben retribuito. Gli stessi utenti di Steam ne hanno parlato a lungo e approfonditamente in questa discussione.

Informare sui bug sembra una pratica normale per gli utenti dell’early access

E se ho pagato per un gioco che non verrà mai lanciato?

Questa è un’altra delle domande che preoccupano molto gli utenti, ed è logico. Un accesso anticipato non ti assicura che avrai tra le mani un gioco completamente sviluppato e senza errori. Certo, avrai avuto la possibilità, in esclusiva, di giocare per un determinato periodo, ma è possibile che il videogioco chiuda i battenti lasciandoti con il desiderio di continuare a giocare e senza nemmeno poter essere rimborsato.

È successo qualcosa di simile agli utenti di Earth: Year 2066, un videogioco d’azione open world che lo scorso aprile è apparso in early access su Steam per 20 dollari. Il disappunto degli utenti non è tardato ad arrivare: “è rotto”, “è una truffa”, “è un accesso anticipato nel vero senso della parola”.

Di lì a poche settimane, Valve decise di ritirare il gioco da Steam. Curiosamente, la causa non fu il suo aspetto incompleto o la sua scarsa usabilità,  ma il fatto che fosse un gioco “disonesto”.

Questa è la parola usata da Valve per definire un gioco la cui descrizione ufficiale non corrisponde con quello che il gioco offre e che, pertanto, non è scritta in modo corretto. Per giunta, i suoi sviluppatori cancellavano le critiche ricevute, scrivendo loro stessi opinioni positive sul gioco. E, come se ciò non bastasse, usarono immagini senza il permesso degli autori.

Comunque siano andati i fatti, Earth: Year 2066 non rispettava gli standard minimi di qualità e questo non era giusto per l’utente. In questo caso, Valve restituì i soldi agli utenti che avevano pagato, ma se non fosse sempre così? Se dietro un videogioco non ci fosse sempre una grande compagnia pronta a garantire la sicurezza degli utenti?

Earth: Year 2066, il lato oscuro dell’early access

Due esempi positivi: Minecraft e DayZ

Leggendo fin qui potresti pensare che sono un’acerrima nemica dell’early access. Non è così, voglio semplicemente informarti degli inconvenienti che si celano dietro questo sistema. Naturalmente, ci sono anche degli aspetti positivi dell’early access di cui sono rappresentanti alcuni titoli che iniziarono con questo sistema e che adesso, invece, sono giochi di successo.

Il caso più famoso è Minecraft, nato nel 2009 come prodotto indie con accesso anticipato e la cui prima versione PC è stata lanciata nel 2011. Minecraft è un prodotto nato e cresciuto con il contributo dei suoi utenti, giocatori fedeli che, grazie alla loro fiducia e costanza, sono riusciti ad ottenere, a un prezzo davvero irrisorio, un gioco di buon livello e tutti i suoi contenuti extra.

Minecraft, pioniere degli early access a lieto fine

Un caso più recente è quello di DayZ. Questo gioco multiplayer a tema zombie, che nacque come mod del famoso ARMA 2, si è trasformato in un gioco completo ed è ora tra i più famosi su Steam.

Nonostante sia ancora nella fase alfa e, perciò, in accesso anticipato, oltre 2 milioni di utenti lo stanno già utilizzando. Anche se presenta ancora alcuni errori, è un grande titolo che promette bene e di cui sicuramente riusciremo a vedere la versione finale.

Altri early access che sembrano sulla strada giusta sono il sopracitato Broforce e Prison Architect. Di fatto, anche se questi giochi rimanessero tali e quali, sarebbero già più consistenti rispetto ad altri giochi considerati già prodotto finale.

Broforce, gioco d’estetica e di approccio retrò, un successo dello Steam Early Access

Lasciati guidare dal tuo istinto, confronta e domanda

Come vedi, l’early access può essere un buon affare oppure una truffa, tutto dipende dal punto di vista. A nessuno piace spendere soldi alla cieca ma è pur certo che in alcune occasioni vale la pena rischiare ed investire 20 o 30 dollari su qualcosa che potrà diventare il prossimo trionfo tra i videogiochi, venduto commercialmente al doppio del prezzo pagato e sicuramente senza i bonus offerti in accesso anticipato!

Ad ogni modo, optare o meno per un early access dipende da te. Il modo migliore per andare sul sicuro è consultare forum di videogiochi di accesso anticipato ed effettuare una ricerca su internet. Generalmente, la gente è sincera e non ha problemi ad esprimersi in rete, sia per giudizi positivi sia per quelli negativi.

Hai mai comprato giochi con accesso anticipato? Qui ti parliamo di uno dei più famosi, Broforce.

[Articolo originale di Maria Baeta su Softonic ES]

Vedi tutti i comment
Visualizzazione commenti in corso...

Pubblicità

Ultimi articoli

App più scaricate

Pubblicità